Pubblicato da: angelina | 5 aprile, 2010

Analisi dell’episodio 610 – “The Package”

Con il decimo episodio della sesta ed ultima stagione, ci vengono fornite alcune nuove risposte, anche se i punti oscuri e i dubbi rimangono ancora molti. La situazione è quanto mai intricata. E’ ormai scontro aperto tra le due forze dominanti dell’Isola, Jacob e F-Locke. A farne le spese sono i Losties, che senza avere un quadro generale della situazione, vengono utilizzati come delle semplici pedine. A tutto questo si aggiunge la presenza di Charles Widmore, personaggio il cui ruolo rimane misterioso.

Image and video hosting by TinyPic

Lo specchio
Davanti a uno specchio, tutti i personaggi sembrano ricordarsi di una loro precedente esistenza. Come se vivessero una sensazione di “deja-vu

 

Realtà parallela
Sun e Jin si amano e cercano di fuggire insieme, lontani dal padre di lei che ostacola in tutti i modi la loro relazione. Loro sono ancora “signorina Paik” e “signor Kwon” dunque ancora non si sono sposati ma anche in questa realtà Jin lavora per il padre di Sun. All’aeroporto Jin viene fermato dalla polizia proprio perché porta con sé una ingente somma di denaro, lui non sa che gli era stato affidato è il compenso per pagare il suo killer.

Il destino si diverte con loro e succede di tutto, si accumulano, imbrogli, fraintendimenti e ritardi e così Jin finisce per essere rinchiuso nella cella frigorifera di un ristorante. Arriva Sayid che ha appena sparato a Keamy e anche qualcuno che conosciamo già, Mickail Bakunin che viene chiamato perché conosce ben 9 lingue e deve fare da traduttore visto nessuno conosce il Coreano. Bakunin nella sparatoria, viene colpito a un occhio. (anche sull’isola aveva un occhio bendato)

“Il cuore non intende ragioni”
Alla fine è proprio Sun quella che viene ferita gravemente all’addome e in quel momento lei dice a Jin che aspettava un bambino. Nella prima timeline è Jin che non riesce a lasciare l’isola e lei lo ha creduto morto mentre ora sembra che Sun possa morire. A quanto pare “Certe persone non sono destinate a stare insieme”.

Questo episodio sembra proprio confermare che esiste una collaborazione tra Mr Paik (il padre di Sun) e Mr Widmore e Keamy il quale in qualsiasi modo lo vediamo è sempre un uomo sgradevole e lavora per entrambi questi Signori che da quanto abbiamo appreso dal gioco di Lost Experience sono anche i finanziatori del “Progetto Dharma”.

Sull’Isola
F-Locke cerca di ampliare il numero dei suoi sostenitori. Di Kate dice apertamente di volerla “usare per ottenere ciò che vuole”, mentre si sente forte dell’appoggio ormai consolidato di Claire e a Sayid, il quale appare ormai totalmente privo di volontà.
F-Locke cerca di convincere a stare dalla sua parte anche Jin e per fare questo, gli promette che lo aiuterà a ritrovare la sua amatissima Sun. Jin però non si fida e tenta di scappare. Zoe, la donna che lavora per Widmore, è una geofisica riesce a catturarlo e lo porta all’Idra nella “stanza 23” lo scopo è entrare in possesso delle informazioni riguardo le sacche di energia elettromagnetica presenti sull’Isola. (Cose che Jin sa in quanto era presente nell’epoca in cui c’era la Dharma)

Charles Widmore
Charles Widmore sembra essere a conoscenza di tutto.  Anche, e soprattutto, di quello che noi spettatori ancora non sappiamo. Appena incontra F-Locke, gli dice: “Chiaramente non sei John Locke. Tutto il resto che so e’ una combinazione di miti, storie di fantasmi e rumori notturni della giungla”. E F-Locke risponde: “Penso tu sappia più di questo, a giudicare da questi… piloni…

Widmore poi resta solo con Jin, e con i modi più suadenti possibili, gli mostra le foto di Ji-Yeon, la sua bambina (che lui non ha mai visto) e tenta di convincerlo dell’importanza di fermare F-Locke. Se quest’ultimo riuscisse davvero a fuggire, tutte le persone fuori dall’Isola cesserebbero completamente di esistere. In questo senso, anche se sembra strano, possiamo dire che lo scopo di Charles Widmore sembra essere lo stesso di Jacob: impedire a chiunque, soprattutto a F-Locke, di lasciare l’Isola.

Zoe e The Package
Dal sottomarino, totalmente intontito, viene fatto uscire Desmond. Nello stesso momento, dall’acqua spunta Sayid, anche lui non particolarmente presente. I due si scambiano una rapida occhiata e nei loro occhi sembra brillare una fievole scintilla: come se in entrambi stessero nascendo dei ricordi. Desmond dunque è tornato sull’isola, lui che è una persona davvero “speciale” perché possiede la capacità di viaggiare nel tempo con la coscienza, cosa che gli ha permesso già una volta di modificare gli eventi e forse proprio per questo Wimdore lo ha riportato sull’isola.

Sulla spiaggia
Ilana si è tranquillizzata perché vede che Richard ha ritrovato la fede in Jacob ed è determinato a fermare F-Locke

Jack dopo essere stato al faro è chiaramente cambiato. E’ bellissimo il suo dialogo con Sun, che pure non riesce più a parlare inglese ed è costretta a usare carta e penna per farsi capire. I due si stringono la mano e lei gli conferma la sua fiducia. È meraviglioso il sottofondo con il rumore incessante delle onde dell’oceano e il fuoco acceso che illumina la notte.

Una possibile conclusione
A questo punto è possibile fare delle supposizioni sui vari possibili finali. Se Ilana riesce – con l’aiuto di Richard – a trovare il sostituto di Jacob, Smokey resterà ancora imprigionato sull’Isola, con il corpo di Locke e al servizio del suo tanto detestato rivale. Presumibilmente, vista la natura ciclica della vicenda, tutto potrebbe concludersi con  il nuovo Jacob (forse Jack?) e la “maschera” di Locke ovvero F-Locke, seduti sulla spiaggia in attesa dell’arrivo di altre persone. Proprio come è successo in precedenza fra Jacob e Mib.

Riferimenti culturali

Sembra ovvio un riferimento a Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò di Lewis Carrol, autore più volte apertamente citato nella serie. È facile mettere in parallelo i riferimenti al gioco degli scacchi presente nel libro, con gli schieramenti dei personaggi che agiscono sull’Isola, contraddistinti dai colori delle pedine, bianco e nero. In questo senso l’Isola rappresenta una scacchiera immensa e variegata come lo spazio-tempo. Ad ogni movimento di una pedina/personaggio muta l’equilibrio generale.

Bianco e Nero
Tutto quindi, proprio grazie allo specchio, assume una doppia valenza: l’Isola può essere vista come l’Inferno o come il suo contrario (come già abbiamo visto Ab Aeterno con Richard Alpert). Ancora, Jacob può essere visto come un Angelo, ma al tempo stesso come un Diavolo. Tutto questo non fa che rendere le cose ancora più complesse ed intricate. Scegliere la cosa giusta da fare diventa molto difficile e – anche se a tutti viene data la possibilità di migliorare – l’unico metro di giudizio diventa il vissuto e l’esperienza personale.

La trama di Lost è un mosaico in cui anche il più piccolo elemento finisce per avere un ruolo rilevante e in cui tutti i pezzi insieme creano la forza di questa meravigliosa storia. Le risposte stanno arrivando, ma la soluzione appare ancora lontana.

Burning questions
Cosa intende realmente fare F-Locke con le persone con cui sta architettando la fuga, perché ha bisogno di loro e perché vuole andarsene con l’aereo? (non sa niente della ruota?)
Perché Richard Alpert nell’episodio “Follow The Leader” aveva detto che aveva visto morire tutti e ora non ne parla con nessuno?
Cosa deve fare Zoe e perché ha bisogno delle mappe che rilevano le sacche di energia magnetica che ci sono sull’isola?
Perché Charles Widmore ha portato Desmond sull’isola, progetta forse un nuovo “reset”?


Responses

  1. io resto dell’idea che jacob fosse il male e che f-locke sia invece una forza positiva.
    l’ultima puntata ha alzato un po’ il livello di questa stagione, altrimenti noiosa, però tutto il gruppo legato a widmore continua a convincermi poco (zoe sembra una brutta copia di faraday & co.), la sua presenza sull’isola mi sembra un po’ forzata…
    bel post!

  2. grazie au
    spero che l’episodio desond centrico ti sia piaciuto di più..

  3. grazie au
    spero che l’episodio desmond centrico ti sia piaciuto di più..

  4. Anche a me la scena e il dialogo sulla spiaggia tra Sun e Jack è piaciuto molto. Innanzitutto perchè i due non si erano quasi visti mai dialogare a tu per tu nè tantomeno scambiarsi dei sorrisi, nè trovarsi in una simile situazione; è quindi la novità della scena che la rende bella e particolare. Inoltre sembra che Jack stia cambiando sempre in meglio, almeno per me che non partivo da una buona opinione su di lui.
    Per quanto riguarda la dialettica di bianco e nero mi trovo d’accordo, ma alla fine non penso che si rimarrà confusi; si sceglie anche per dei minimi particolari o per delle sottilezze.
    Comunque, bel post :)

  5. A me stanno piacendo molto tutte le puntate che continuano ad essere dei tasselli importantissimi vista la grandezza di Lost. Bellissimo post angelina! Complimenti.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: